Rafiky è così “avanti” che, tra i suoi servizi, ha incluso anche servizi di interpretariato remoto e traduzione simultanea con lingua dei segni, in vista della partecipazione di utenti non udenti. Una delle sue ultime performance in campo in questo senso è stata per il ciclo di eventi sul progetto SMART.

Le giornate del 12, 18 e 26 maggio, tenute dall’associazione Alda, sono state volte a presentare obiettivi e strategie del progetto SMART – acronimo per Small Museums Alliance Representing Territories. I titoli dei tre eventi rispettivamente sono stati “Accessibilità digitale inclusiva a tutti”, “Digitalizzazione nei musei: Buone Pratiche e Strumenti per un design innovativo ed esperienze straordinarie” e “Silent Play: Patrimonio Culturale e Nuove Pratiche di Partecipazione attraverso il Teatro”. Il filo conduttore delle tre giornate di webinar è stato il tema dell’accessibilità e del coinvolgimento di tutte le categorie di persone, a prescindere dalle loro capacità motorie, visive, uditive o di apprendimento, alla cultura e a una serie di servizi, informazioni o attività, per mezzo della strumentazione digitale e facilitata delle prestazioni offerte.

I webinar sono stati programmati con la traduzione simultanea in lingua italiana, inglese, e tedesca.

Rafiky ha seguito la scia delle argomentazioni trattate durante l’evento mettendo in pratica uno dei propri fiori all’occhiello: il servizio di interpretariato remoto della lingua dei segni in inglese (BSL). Con questo, l’innovativo software di Rafiky ha permesso un’accessibilità maggiore all’evento, includendo anche la partecipazione di utenti non udenti. Il “pannello interprete” della lingua dei segni è stato sempre visibile per tutta la durata dell’evento, permettendo una comunicazione chiara e comprensibile a tutti.